Banche sempre in difficoltà

27.08.2020

Ma il 25 settembre lo scenario potrebbe cambiare

Il sistema bancario europeo è in perenne difficoltà. Dalla crisi del 2008  il sistema bancario non si è più ripreso. Il grafico rappresenta l'indice eurostoxx bank, il riferimento delle banche europee ed evidenzia chiaramente come dopo il crollo dovuto alla crisi subprime si sia appoggiato più volte al livello più basso fino violare tale supporto durante la forte discesa iniziata a marzo causata dal virus.

Ora quel livello violato risulta difficile da superare essendo una forte resistenza, ma i problemi nascono da una situazione mai risolta.

Il sistema è debole, dopo la crisi del 2008 aveva oltre 1.000 milioni di NPL (net loan performance) r una bassa redditività; oltre ad esposizioni rischiose sul mercato.

Tale situazione è solo peggiorata con tassi sempre più negativi e un settore del credito sempre più a rischio. L'aumento degli NPL in autunno viene ritenuto una certezza a cui dover far fronte.  Come scritto in un altro articolo, per guadagnare, i titoli spazzatura in pancia alle banche europee è salito al 30% del capitale primario ed è in continuo aumento. Inoltre, alcuni istituti (come le banche italiane) hanno nei loro asset una quantità esagerata di titoli di stato. E i tassi resteranno bassi per molto tempo.

Ma un altro dato importante è dovuto all'incapacità di cambiare e di abbandonare il vecchio business non più remunerativo. In pratica, le banche soffrono come tutto il decadimento europeo di eccessiva lentezza nel modificarsi e nell'adeguarsi ad un mondo dinamico e che richiede continue evoluzioni.

Ma una svolta potrebbe esserci il 25 settembre quando la BCE si riunirà per decidere riguardo alla realizzazione di una Bad Bank nella quale far confluire gli NPL delle banche europee. I numeri ipotizzati degli NPL bancari sono da paura e, probabilmente, tli previsioni hanno fatto tornare d'attualità l'tdea di una soluzione dal centro tramite la creazione di un raccoglitore di spazzatura al di fuori dei singoli istituti.

Si avrebbe in breve tempo, come per magia, la piaga delle sofferenze bancarie che scomparirebbe dai bilanci cambiando le sorti del titoli bancari e aiutando le performance in borsa.

Vedremo cosa accadrà.